Pignolo

Antico vitigno a bacca nera originario del Friuli. Si ritiene che già prima del 1600 fosse conosciuto e coltivato, in particolare nei territori di Albana, Premariacco, Prepotto e Rosazzo. Nasce tra i vigneti dell’Abbazia di Rosazzo, molto probabilmente già coltivato dai monaci Benedettini. Fu grazie all’opera di recupero partita nel 1978 delle uniche due viti rimaste presso l’Abbazia che venne salvato da sicura estinzione. Oggi viene ancora prevalentemente coltivato nella sua zona d’origine. Le uve di rarità e finezza eccezionali danno un vino da invecchiamento, “di lusso” – come scrisse nel 1930 Dalmasso – tannico, caratterizzato da intensi profumi.

Riconoscimenti o News

Guida Gambero Rosso 2017: Pignolo DOC Colli Orientali del Friuli 2009 – 2 calici neri
Bibenda 2011: Pignolo DOC Colli Orientali del Friuli 2007 – 4 grappoli

Note sensoriali

Colore rosso rubino intenso con sfumature violacee. Profumo sentori di frutta come prugna e ciliegia e con note delicate di vaniglia e cacao.
Sapore pieno, robusto e asciutto che ricorda il profumo.

Suggerimenti gastronomici

Ottimo con piatti a base di selvaggina, con carni di manzo e con formaggi stagionati.

Riconoscimenti o News

Guida Gambero Rosso 2017: Pignolo DOC Colli Orientali del Friuli 2009 – 2 calici neri
Bibenda 2011: Pignolo DOC Colli Orientali del Friuli 2007 – 4 grappoli

Note sensoriali

Colore rosso rubino intenso con sfumature violacee. Profumo sentori di frutta come prugna e ciliegia e con note delicate di vaniglia e cacao.
Sapore pieno, robusto e asciutto che ricorda il profumo.

suggerimenti gastronomici

Ottimo con piatti a base di selvaggina, con carni di manzo e con formaggi stagionati.

Hai almeno 18 anni?

Abbiamo bisogno di sapere se hai l'età adatta per entrare in questo sito